X

Blog ed eventi

Museo delle Radio a cura di Alberto Chiantera

museo delle radio galatone

Galatone, 18 Giugno 2016

Sabato, 18 Giugno 2016 alle ore 20:00 è stato inaugurato all’interno delle splendide stanze del  Palazzo Marchesale Belmonte Pinelli Pignatelli il Museo delle Radio a cura di Alberto Chiantera.

Alberto Chiantera , sottoufficiale in pensione, che dirige, insieme al figlio Francesco,  il museo delle radio d’epoca di Verona, unico in Italia e terzo in Europa. La sua volontà è quella di portare nella sua Città natale una parte della sua importante collezione, un dono per far crescere il paese cui ha sempre dedicato un pensiero, nonostante la vita poi lo abbia portato altrove.  Le antiche apparecchiature ed i modelli esposti Dal telegrafo e i primi trasmettitori radiotelegrafici ai vari tipi di ricevitori storici. A Galatone, in particolare, sono presentati sia pezzi anni ’20 dal design particolare di famose marche ( Safar, Phonola, Magnanide, Telefunken, Radiomarelli) che ricevitori originali di cinque differenti Paesi, più preziosi esemplari di rarissima fattura e design, rigosomente datati tra gli anni ’20 e gli anni ’50. La mostra vede esposti 150 ricevitori provenienti da cinque differenti nazioni che vanno dagli anni venti agli anni cinquanta, tra questi un ricevitore di fabbricazione Americana con valvole esposte a giorno del 1918.

Elemento importante per la nostra Città è “la sala Guglielmo Marconi”, dedicata al maestro,  allestita come una vera stazione telegrafica d’epoca arricchita da tasto manipolatore, macchina per ricevere segnali morse, rullo avvolgitore, galvanometro, soccorritore, orologio e varie strumentazioni scientifiche quali il classico rocchetto di Ruhmkorff e la macchina conduttrice di scintille di Wimshrst. Un gioiello storico, straordinariamente ricostruito, che ricorda quanto la radio sia, tecnicamente, una applicazione delle telecomunicazioni. Sala che, Alberto, la moglie Marilisa e Simona hanno allestito con attenzione e cura, dedicando con passione intere giornate.

Dopo l’inaugurazione, Federica Pano, presentatrice della serata, ha contattato telefonicamente la Principessa Maria Elettra Marconi, figlia del grande Guglielmo la quale si è complimentata per l’iniziativa, salutanto Alberto molto fraternamente e tutta la cittadinanza. Subito dopo questa importante telefonata è partito il concerto di Grammofoni con vinili di arie d’opera, canzoni anni venti, trenta e quaranta con le meravigliose voci di Tito Schipa, Enrico Caruso, Beniamino Gigli, Franco Corelli, Sergio Bruni, Luciano Tajoli, Claudio Villa con performance coreografiche di Artèdanza di Dario De Leo.

Grazie Alberto per ciò che ci hai donato…

LA MOSTRA è VISITABILE PRESSO IL PALAZZO MARCHESALE DI GALATONE  in aggiunta alla mostra delle Macchine di Leonardo Da Vinci a cura di Giuseppe Manisco

 

 

Tags: